Informazioni sul rendering

Informazioni sul rendering

Trasforma i sottoprodotti di origine animale in proteine e grassi di alto valore

Gestione dei nutrienti

Il rendering consiste nel creare il massimo valore dai sottoprodotti di origine animale. Le soluzioni di rendering di Mavitec creano i migliori valori nutritivi sul mercato. Dal pollame alla carne rossa, trasformiamo i sottoprodotti di origine animale in prodotti finali di alta qualità come farina di carne e ossa, farina di carne di pollame, farina di piume, farina di sangue, farina intera, sego, grasso e olio. Questi ingredienti di grande valore sono utilizzati ad esempio nell'industria degli alimenti per animali domestici, nell'industria dei mangimi, nell'industria dei mangimi (pasti), nell'industria oleochimica o cosmetica (grassi, olio). Per questo diciamo: rendering non è la gestione dei rifiuti, è la gestione dei nutrienti!

Input Output

Crea i migliori valori nutrizionali

I sistemi di rendering di Mavitec riciclano sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano, come psottoprodotti del legno, red i sottoprodotti della carne e fish sottoprodotti.  Il modo di lavorazione determina il valore dei prodotti finali. Dopo il rendering, i materiali sono molto più resistenti al deterioramento. L'osso e le proteine diventano particelle secche conosciute come farina di carne e ossa. Mavitec crea i seguenti prodotti finali di alto valore:

• Farina di carne e ossa
Farina di carne di pollame
Pasto di piume
farina di sangue
Pasto intero
Sego, grasso e olio

Il rendering è riciclo

Il rendering è un modo ecologico per riciclare materiale che altrimenti andrebbe sprecato. Il rendering è un processo che riutilizza i sottoprodotti che altrimenti andrebbero sprecati dalla "carne che non mangiamo". Rendendo materiali specifici che molti consumatori nordamericani considererebbero non commestibili, come alcuni grassi, ossa e proteine, i renderizzatori forniscono materiale pulito e sicuro utilizzato per sviluppare nuovi prodotti sostenibili riducendo al contempo lo spreco alimentare complessivo (fonte: NARA.org). L'industria della trasformazione lavora la maggior parte dei sottoprodotti di origine animale della filiera della carne che non finiscono nel piatto del consumatore. Questi variano da paese a paese e dipendono dalle abitudini alimentari delle diverse culture. Nel mondo occidentale, questo rappresenta quasi un terzo del peso degli animali macellati (più di xx milioni di tonnellate nel solo Regno Unito ogni anno, producendo xxx.000 tonnellate di grasso e xxx.000 tonnellate di farina proteica). Tecnologia all'avanguardia, regolamentazione rigorosa e senso di impegno e responsabilità per l'ambiente fanno sì che le operazioni di intonacatura odierne siano altamente tecniche e richiedono alti livelli di investimento. In assenza dell'industria della trasformazione, il costo dello smaltimento dei rifiuti di materiale animale sarebbe molto elevato e rappresenterebbe un onere economico e ambientale significativo per le aree interessate dalla macellazione su scala industriale.

Il rendering è sicuro ed essenziale

Vantaggi del rendering

Senza l'industria del rendering, il costo dello smaltimento dei rifiuti di materiale animale di scarto sarebbe molto elevato e comporterebbe un notevole onere economico e ambientale per le aree coinvolte nella macellazione su scala industriale. 

• Aiuta la gerarchia di recupero degli alimenti riciclando i sottoprodotti di origine animale
• Converte i sottoprodotti di origine animale in ingredienti di alto valore
• Le risorse recuperate hanno un alto valore economico
• Aumento dell'indipendenza energetica
• Aiuta a ridurre i gas serra

Trasforma i sottoprodotti di origine animale in proteine e grassi di alto valore

STORIA del Rendering

L'industria del rendering è una delle più antiche industrie di riciclaggio. L'industria del rendering prende materiali che andrebbero sprecati e realizza prodotti utili come combustibili, saponi, gomma, plastica, ecc. Il rendering risolve quello che sarebbe un grosso problema di smaltimento. Sebbene il rendering come industria organizzata e coesa esista da 150 anni, il processo di fusione dei grassi animali per produrre sego e altri grassi e oli probabilmente è iniziato quando l'uomo ha iniziato a cucinare la carne su un fuoco da campo e a salvare le gocce. Gli storici hanno tracciato un grafico della produzione di sapone e candele dai prodotti del rendering, con uno dei primi resoconti di rendering scritto da un soldato romano. Negli ultimi tempi, l'industria ha dato un importante contributo a un ambiente pulito e salubre. Inoltre, trasforma materiali inutilizzabili in prodotti utilizzabili, ad esempio sego per la produzione di sapone, prodotti chimici di base e proteine animali per l'alimentazione del bestiame.

Impatto economico

Altri fattori importanti che hanno avuto un impatto sull'industria nel 20 ° secolo sono stati la divulgazione dei fertilizzanti chimici, lo sviluppo di detergenti sintetici, l'adozione diffusa della "carne bovina in scatola" negli Stati Uniti e il cambiamento nelle abitudini alimentari dei consumatori per rifiutare i grassi animali. All'inizio del XX secolo il basso costo di sintesi dei fertilizzanti azotati artificiali ha minato l'uso economico dei rifiuti animali per arricchire i suoli. Ciò ha comportato la perdita di un mercato sostanziale per i sottoprodotti solidi della carne. Questo mercato perduto è stato sostituito dalla consapevolezza che questi prodotti costituivano un buon mangime per gli animali. Dopo la seconda guerra mondiale sono entrati in scena i detersivi sintetici che alla fine hanno sostituito i saponi per usi domestici e industriali. Così, all'inizio degli anni '50, oltre 50% del mercato dei grassi non commestibili scomparve. La diversione di questi materiali nei mangimi per animali presto sostituì il mercato del sapone perduto e alla fine divenne il singolo più grande utilizzo per i grassi non commestibili.

Lo sviluppo del rendering è stato principalmente responsabile dell'utilizzo redditizio dei sottoprodotti dell'industria della carne, che a sua volta ha permesso lo sviluppo di un'enorme industria della carne su scala industriale che ha reso il cibo più economico per il consumatore. Il rendering è stato effettuato per molti secoli, principalmente per la produzione di sapone e candele. Il primo rendering è stato fatto in un bollitore su un fuoco aperto. Questo tipo di resa viene ancora eseguita negli allevamenti per produrre strutto (grasso di maiale) a scopo alimentare. Con lo sviluppo delle caldaie a vapore, è stato possibile rivestire il bollitore per ottenere un prodotto di qualità superiore e ridurre il pericolo di incendio. Un ulteriore sviluppo avvenne nell'Ottocento con l'utilizzo del “digestore” di vapore che era semplicemente un serbatoio utilizzato come pentola a pressione in cui veniva iniettato vapore vivo nel materiale da rendere. Questo Il processo era un processo di rendering a umido chiamato "tank" ed era utilizzato sia per prodotti commestibili che non commestibili, sebbene i migliori gradi di prodotti commestibili fossero realizzati utilizzando il processo a bollitore aperto. Dopo che il materiale è stato "serbato", il grasso libero è stato scaricato, l'acqua rimanente ("acqua del serbatoio") è stata fatta scorrere in una vasca separata e i solidi sono stati rimossi ed essiccati mediante pressatura e essiccazione a vapore in un recipiente rivestito. L'acqua del serbatoio è stata scaricata in una fogna o è stata evaporata per produrre colla o concentrato proteico da aggiungere al fertilizzante. I solidi sono stati usati per fare fertilizzante.

Le innovazioni tecnologiche sono arrivate rapidamente con l'avanzare del XX secolo. Alcuni di questi erano negli usi per i prodotti renderizzati e altri erano negli stessi metodi di rendering. Negli anni '20 fu inventato un processo di resa a secco discontinuo, in cui il materiale veniva cotto in cilindri orizzontali rivestiti di vapore che erano simili agli essiccatori di fertilizzanti dell'epoca. I vantaggi dichiarati per il processo a secco erano l'economia nell'uso di energia, una migliore resa proteica, un'elaborazione più rapida e meno odori sgradevoli che accompagnano il processo. Gradualmente, nel corso degli anni, il processo di "serbatoio" a umido è stato sostituito con il processo a secco, così che alla fine della seconda guerra mondiale, la maggior parte degli impianti di intonacatura utilizzava il processo a secco. Negli anni '60, The Dupps Company ha introdotto i processi a secco continui, uno utilizzando una variazione del fornello a secco convenzionale e l'altro che utilizza un processo di triturazione ed evaporazione per asciugare il materiale e produrre il grasso. Negli anni '80 gli alti costi energetici hanno reso popolari i vari processi continui “a umido”. Questi processi erano più efficienti dal punto di vista energetico e consentivano il riutilizzo dei vapori di processo per preriscaldare o asciugare i materiali durante il processo.

rendering

fatti e cifre

0 %
Valori proteici più alti
0 +
Anni di esperienza
0 +
Paesi del mondo